Partecipa a Frentania.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Le Giornate FAI arrivano a Chieti

Alla scoperta della parte più segreta della vecchia Teate

Condividi su:

Il FAI è una fondazione senza scopo di lucro che si occupa di salvaguardare il patrimonio artistico e culturale italiano,  sensibilizzando e cercando di far rinascere l'interesse nella popolazione.

A livello locale, sono attive delle delegazioni, libere di prendere l'iniziativa per nuovi eventi (per informazioni su eventuali eventi locali si visiti la pagina facebook della delegazione di Chieti).

Le Giornate FAI, però, sono un progetto nazionale, durante il quale vengono rese visitabili dal pubblico alcune opere o edifici di solito preclusi alla folla.

Quest'anno, nei giorni 26 e 27 marzo, sono state aperte a Chieti, con l'appoggio dello Speleo Club di Chieti, tre cisterne romane: quella di Via Gizzi (solo per gli iscritti FAI), quella sotto Piazza San Giustino e quella di Largo dei Carbonari (a oggi adibita a sala da feste), correlata con una visita alla via Tecta, sottostante il Palazzo De' Mayo.

Per partecipare è necessario, oltre alla mascherina FFP2 e al green pass, versare una quota di 3 euro a persona. Tali soldi verranno poi utilizzati per la gran parte per la cura e la restaurazione di opere ed edifici di importanza culturale e artistica donati alla fondazione.

Inoltre, ormai da alcuni anni, la delegazione FAI di Chieti ha messo a disposizione le Giornate FAI, e non solo, come esperienza di alternanza scuola-lavoro per i ragazzi delle secondarie (soprattutto di secondo grado, ma a volte, se possibile, anche di primo), che partecipano sia all'organizzazione dell'evento che in qualità di Ciceroni, fornendo informazioni sui luoghi visitati.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook